GJUMI

Cdo nate, ne pothuaj te njejten kohe, ju shihni oren, gogesini dhe pergatiteni per te fjetur. Ju shtriheni ne krevat me dritat te fikura dhe syte mbyllur, duke pritur qe ndjenjat e pergjumjes tu perfshije dhe tu coje ne ate gjendje ne te cilen ju do te kaloni rreth 8 oret e ardhshme.

Ju kaloni afersisht nje te treten e jetes suaj ne gjume. Per shume njerez kjo do te thote rreth 25 vjet. Perderisa ju flini pak a shume rregullisht cdo dite, ju thjesht e konsideroni gjumin si nje te vertete te pashmangshme. Pikerisht tani shkencetaret po mesojne disa nga shume misteret e gjumit dhe enderrimit.

Ne tregimin tone te hapjes, ne permendem disa nga testet e perdorura per matjen e gjumit. Po ti hedhim nje sy privimit nga gjumi mund te jemi ne gjendje qe te marrim disa shpjegime per funksionet e gjumit ne jeten e perditshme.

Le te fillojme me disa nga teknikat matese te perdorura ne kerkimet per gjumin.

Kerkimet per gjumin shpesh kryhen ne laboratoret universale te gjumit ku ndryshoret mund te vezhgohen me kujdes dhe te kontrollohen. I eksperimentuari shtrihet ne nje shtrat te rehatshem nderkohe qe eksperimentuesi pergatitet qe te regjistroje te dhenat elektrofiziologjike. Mbi kete fiksohen elektroda (pajisje regjistruese) te cilat sherbejne per te matur valet e trurit. Regjistrimi i aktivitetit te valeve trunore quhet elektroencefalograme (EEG). Elektrodat lidhen gjithashtu ne fytyre dhe ne trup per te matur ndryshore te tilla si: ritmin e zemres (EKG), tensionoin e gjakut, temperaturen, levizjen e syve (EOG), aktivitetin e muskujve te skeletit (EMG), dhe frymemarrjen (Hasset, 1978). Pastaj te eksperimentuarit i kerkohet qe te qetesohet dhe te flere (Kjo, natyrisht, mund te kerkoje pak praktike).

Gjate gjendjes se zgjimit, EEG – ja tregon dy modele baze te valeve trunoe aktivitetin alfa dhe aktivitetin beta. Aktiviteti alfa ka nje frekuence prej 8 – 12 Hc dhe prodhohet kur nje person eshte i shtendosur dhe duke pushuar ne qetesi me syte te mbyllur. Aktiviteti beta ka nje frekuence prej 13 – 30 Hc dhe prodhohet kur nje person eshte me syte e hapur. Pushimi do te prodhoje nje EEG alfa, ndersa leximi i ketij libri duhet te prodhoje nje EEG beta.

STUDIMI I PSIKOLOGJISE

Kapitulli i 1

STUDIMI I PSIKOLOGJISE

CFARE ESHTE PSIKOLOGJIA

QELLIMET E PSIKOLOGJISE

ZHVILLIMI I PSIKOLOGJISE SI SHKENCE

Strukturalizmi

Funksionalizmi

Biheviorizmi

Psikologjia geshtaltiste

Psikanaliza

Drejtimet aktuale ne studimin e psikologjise

NENDEGET E PSIKOLOGJISE

METODAT E KERKIMIT SHKENCOR

Vezhgimit natyror

Metoda e intervistimit

Metoda e anketimit

Metoda e testimit

Metoda e studimit te rastit

Eksperimenti

Metoda korrelative

Mendime per aspektet etike te studimeve shkencore

MATJA NE KERKIMET PSIKOLOGJIKE

Statistika deskriptive (pershkruese)

Statistika deduktive

Ndonese me nje histori pothuaj nje shekullore si disipline formale, studimi psikologjise ka revoluzionalizuar menyren se si ne veshtrojme veten tone. Megjithese psikologet jane te perfshire ne nje numer te madh specialitetesh, ata kane qellimin e perbashket te te kuptuarit e sjelljes. Per te realizuar kete psikologet perdorin nje larmi metodash te kerkimit shkencor dhe teknika te matjes.

Pjesa e I

Pjesa e I

BAZAT

Pjesa e pare, jep bazat e njohurive per te kuptuar shkencen e sjelljes dhe te njohjes. Ne kete seksion trajtohen metodat e studimit shkencor te perdorura nga psikologet; ndikimet biologjike ne sjellje dhe zhvillimi njerezor i shtrire prej fillimit e deri ne fund te jetes.

Kapitulli i 1 – STUDIMI I PSIKOLOGJISE

Ndonese me nje histori pothuaj nje shekullore si disipline formale, studimi psikologjise ka revoluzionalizuar menyren se si ne veshtrojme veten tone. Megjithese psikologet jane te perfshire ne nje numer te madh specialitetesh, ata kane qellimin e perbashket te te kuptuarit e sjelljes. Per te realizuar kete psikologet perdorin nje larmi metodash te kerkimit shkencor dhe teknika te matjes.

Kapitulli i 2 – BIOLOGJIA E SJELLJES

Per te kuptuar plotesisht sjelljen njerezore ne na duhet te dime dicka per ndikimet biologjike mbi njeriun Psikologet studiojne si sistemn endokrin ashtu edhe sistemin nervor dhe i kushtojne rendesi te vecante funksionimit te trurit. Pre psikologet interes te madh ka gjithashtu edhe fakti sesi trashegimia dhe mjedisi bashkeveprojne per te shkaktuar zhvillimin e sjelljes.

Kapitulli i 3 – ZHVILLIMI

Studimi i zhvillimit njerezor perfshin te gjithe hapesiren jetesoere prej ngjizjes, foshnjerise, femijerise, adoleshences, moshe se rritur duke e mbaruar me vdekjen.. Psikologet e zhvillimit interesohen per zhvillimet qe ndodhin gjate kohes ne aspektet fizike, njohese dhe sociale te sjelljes.

Qual è la vera felicità e quando ci piace

I punti di felicità devono prima essere cercati nel presente, nelle cose che hai e fai, nei sentimenti delle persone che amiamo e ci amano. Secondo lo psicologo, il dr. Giuliana Proietti, la felicità può essere un piacere nel raggiungere un obiettivo che ti sei stancato o che hai lavorato duramente per raggiungere.
Spesso, tuttavia, abbiamo imparato che le persone sono molto più felici durante il periodo in cui sperano in qualcosa da ottenere, rispetto a quando otteniamo ciò che abbiamo desiderato, perché quei momenti sono più drastici nel senso buono della parola .

Per il semplice fatto che motivare a fare qualcosa fa sentire le persone più importanti, utili, piene di energia, audaci e forti. Una volta che l’obiettivo dell’adrenalina scompare e l’umore diventa rapidamente depresso. Quindi il segreto è sempre quello di avere un progetto che lo farà senza pensare che la felicità debba necessariamente venire dopo: la speranza per il futuro e il godimento del presente è il massimo della saggezza umana e della saggezza.

La felicità non è uno stato costante, ma uno stato del momento. Quando sei felice, i gesti del corpo cercano di spostarsi dalla posizione precedente, rendendola più visibile, sei desideroso di sorridere, a contatto con altre persone.

La felicità in realtà ti dà la sensazione di essere troppo bravo per farti sentire forte, pronto a far fronte a qualsiasi paura o disabilità. Questi sentimenti sono l’opposto della felicità, perché proiettano aspettative nel futuro, non hanno l’opportunità di rallegrarsi ora, in questo momento.

Le persone che sono generalmente gelose hanno difficoltà a sperimentare la vera felicità perché non sono mai soddisfatte del presente e persino stressano e perdonano di provare le delizie della vita perché si concentra molto sui problemi e le preoccupazioni degli altri. La felicità è sentire ciò che è bello nella vita.

Questa è l’abilità individuale, non una riserva di possibilità: tutti possiamo essere felici se impariamo a capire come farlo. In effetti, per vivere una vita felice, tutti abbiamo bisogno di poter godere di ciò che già abbiamo.

Ognuno di noi pensa che ci sia qualcosa che ancora manca di essere felice: matrimonio, lavoro, carriera, casa, laurea, vacanze. Quindi la felicità, sempre spinta, ci tiene fuori dai piedi. Ricorda che non importa quanto abbiamo, ma quanto ci rallegriamo per ciò che abbiamo.

What is psychology?

Dear readers today I speak to you about psychology as a science, what is psychology, the formulation and verification of hypotheses, methods of correlations, the experimental method, the observational method and in the end for data collection.

 

These are some questions for which I answer in the following article.

 

So let’s start with the first question which is what psychology is.

To give a answer to the first question let me tell that for the first time Wundt was the first to use the term “psychology” to define its own scientific interests. But the German scholar does not even think of correlating this term with a precise definition. Indeed, his work and the work of other psychologists who followed him led him to always give new meaning to this term, which has come to take on different and multi-faceted connotations.

 

By psychology we mean, in a general sense, science, which investigates the psychic activity and the behavior of each of us to define the laws. However, in defining psychology we can refer to three conceptions that have historically been superimposed and opposed but which today can be traced back to a substantial unity.

 

In the first place, it can be seen as the science that studies the active psychic of living beings, meaning “individual psychic” by individual subjectivity, that is a set of phenomena that can be directly observed only by the one in which they are determined. Alternatively, psychology can be understood as the science that studies the behavior of human beings, meaning by “behavior” the relationships obediently obsessible, that is a set of phenomena that can be observed in other individuals and include not only gestures and words, but also the ‘esspresione of the inner relazoni and the interpretation of the actions that are caused by the different circumstancings. Finally, it is science that studies the personality of individuals, which is, for “personality” we understand the bio-psycho-social individuality in which every living being can be recognized, that is, the dynamic unity in which three aspects are integrated. they are (the biological aspect, the psychological aspect, and the social aspect) under which each of us can be examined. But it is also important to underline that psychology is essentially a bipolar science: biological and social.

 

Psychology and its method

 

As already clear from this first short definition, psychology, as it is proposed as a complex and multi-faceted discipline, has a privileged object of study: the mind. As such the mind was the object of the study of the philosophers, well before the birth of the first psychiatric schools that proposed to elevate psychology to the rank of a scientific discipline.

 

If we want to approach the world of psychology it is therefore natural to ask ourselves what is the difference between the attention to the mental propia of scientific psychology and which of the preceding currents of thought. Diversity is essentially in the ways of approaching the study of the mind: since its inception scientific psychology has dealt with incisively the problem of methodology, according to the need to define an approach that respects the fundamental characteristics of the scientific methodologies already recognized. and at the same time consider the pecularity of his object of study. Thus the psychological methodology has been configured as a specific scientific methodology, which makes use of the development of specific theoretical conceptions and of its own empirical data.

 

But it is legitimate to ask: what makes psychology actually scientific?

 

To answer this question I would say that psychology seen as a science that studies the mind through observation and analysis of behavior can be defined primarily as an empirical science (its observations are direct and not mediated) and objective (the his observations are never subjective, but must always be regulated by strict criteria).

Consequently, the rules that are considered as a guide to psychological research are precise and rigorous, such as to make it possible to generalize the results obtained in a single research. Psychologists in fact always tend to verify hypotheses that we could define as “local” and then come to formulate theories that are more general.

 

This possibility to generalize, thanks to the methodological rigor, the results of the research conducted in the psychological field, as well as the possibility to elaborate a model on the basis of which the scholars will produce correct predictions regarding phenomena analogous to those investigated, and also one of the criteria of scientific guarantee of the psychological method.

 

Naturally a scientific research is composed of several moments and several other factors that contribute to its completeness and its scientific validity. Let’s try to analyze how psychologists proceed concretely in their work.

 

Che cos’è la psicologia

Cari lettori oggi  vi parlo sulla psicologia come scienza, che cos’e la psicologia, la formulazione e la verifica delle ipotesi, dei metodi di correlacioni, del metodo sperimentale, del metodo osservativo ed in in fine per la raccolta dei dati.

 

Queste sono alcune domande che per le qualli rispondero nel seguente articolo.

 

Allora cominciamo con la prima domanda la qualle e che cos’e la psicologia.

 

La risposta della prima domanda e questa. Per la prima volta e stato Wundt a uttilizare per primo il termine “psicologia”, per definire i propri interessi scientifici. Ma lo studioso tedesco non penso nemmeno a correlare questo termine con una definizione precisa. Anzi il suo lavoro e il lavoro dei altri psicologici che i qulli lo hanno seguito ha portato a dare sempre nuovi significanti a questo termine che e arrivato ad assumere connotazioni differenti e multisfaccettate.

 

Per psicologia si intende, in senso generale, la scienza la qualle indaga l’ attivita psichica e il comportamento di ognuno di noi per definire i leggi. Tuttavia nel definire la psicologia si puo fare riferimento a tre concezioni che storicamente si sono sovrapposte e contrapposte ma che oggi si possono ricondurre a una sostanziale unita.

 

In primo luogo essa puo essere vista come la scienza che studia l’attiva psichica degli essere viventi, intendendosi per “attiva psichica” la soggettivita individuale, cioe un insieme dei fenomeni i qualli possono essere diretamente osservati soltanto da colui nel quale si determinano. Alternativamente la psicologia puo essere intesa come la scienza che studia il comportamento degli essere umani, intendendosi per “comportamento” le relazioni obbietivamente osserbabili, cioe un insieme dei fenomeni che possono essere osservati nei altri individui e comprendono non soltanto gesti e parole, pero anche l’esspresione delle relazoni interiori e l’interpretazione degli atti i qualli si causano dalle diverse circonstanze. Infine essa e la scienza la qualle studia la personalita dei singoli, cioe per “personalita” noi capiamo l’individualita bio-psico-sociale nella quale puo essere riconosciuto ogni essere vivente, cioe l’unita dinamica in cui si integrano tre aspetti i qualli sono (l’aspetto biologico, l’aspetto psicologico, e l’aspetto sociale) sotto i qualli puo essere esaminato ognuno di noi. Pero e anche importante sottolineare che la psicologia si propone essenzialmente come una scienza bipolare: biologica e sociale.

 

La psicologia e il suo metodo

 

Come risultera gia chiaro da questa prima breve definizione, la psicologia, per quanto si proponga come una disciplina complessa e multisfaccettata, ha un oggetto di studio privilegiato: la mente. In quanto tale la mente era oggeto di studio dei filosofi, ben prima dalla nascita delle prime scuole psiclogiche che si proponessero di elevare la psicologia al rango di una disciplina scientifica.

 

Volendo avvicinarsi al mondo della psicologia viene dunque spontaneo chiedersi quale sia la differenza tra l’attenzione al mentale propia della psicologia scientifika e qualle delle correnti di pensiero precedenti. La diversita sta essenzialmente nelle modalita di avvicinarsi allo studio della mente: fin dal suo inizio la psicologia scientifica ha affrontato in modo incisivo il problema della metodologia, in funzione dell’esigenza di definire un’impostazione che rispettasse le carateristiche fondamentali delle metodologie scientifiche gia riconosciute e nel contempo considerasse la pecularita del suo oggetto di studio. Cosi la metodologia psicologica si e venuta configurando come una metodologia scientifica specifica, che si avvale dello sviluppo di specifiche concezioni teoriche e dei propri dati empirici.

 

Ma e comunque legittimo domandarsi: che cosa rende effettivamente scientifica la psicologia?

 

Per rispondere a questa domanda io direi che la psicologia  vista come scienza che studia la mente attraverso l’osservazione e l’analisi del comportamento puo essere definita in primo luogo come scienza empirica (le sue osservazioni sono dirette e non mediate) e obiettiva (le sue osservazioni non sono mai soggettive, ma devono sempre essere regolate da criteri rigorosi).

Di conseguenza le regole che si pognono come guida alla ricerca psicologica sono precise e rigorose, tali da permettere di generalizzare i risultati ottenuti in una singola ricerca. Gli psicologici infatti tendono sempre a verificare ipotesi che potremmo definire “locali” per poi arrivare a formulare teorie che abbiano carattere piu generale.

 

Questa possibilita di generalizzare, grazie al rigore metodologico, i risultati delle richerche condotte in ambito psicologico, oltre alla possibilita di elaborare un modello sulla base del qualle gli studiosi potranno produrre predizioni corrette relativamente a fenomeni analoghi a quelli indagati, e anche uno dei criteri di garanzia di scientificata del metodo psicologico.

 

Naturalmente una ricerca scientifica e composta da piu momenti e da diversi altri fattori che contribuoiscono alla sua completezza e alla sua validita scientifica. Proviamo ad andare ad analizzare come gli psicologici procedono concretamente nel loro lavoro.